Carta dei servizi

Clicca qui e scarica la carta dei servizi!

INTRODUZIONE

Cos’è la Carta dei servizi

La Carta dei servizi è un patto che ha per oggetto la qualità e i diritti che i soggetti erogatori di servizi si impegnano a garantire ai loro utenti.Introdotta in Italia, nel settore dei servizi pubblici, da una direttiva del Presidente del Consiglio del gennaio 1994, l’obbligo della sua adozione è stato ora esteso a tutti i servizi sociali e alla persona.


Con questa Carta dei servizi, il micronido “Kirikù” si propone di far conoscere agli utenti o potenziali utenti, in modo completo e comprensibile, le finalità, le caratteristiche, le modalità di accesso e di organizzazione del micronido Kiriku’.


Gli obiettivi della Carta dei servizi non si limitano alla trasparenza dell’ente e all’informazione sul servizio: essa vuole illustrare in dettaglio quali caratteristiche e livelli di qualità contraddistinguono concretamente i servizi e con quali modalità gli utenti possono contribuire a far sì che tali standard siano rispettati. In questo modo, si esplicitano gli obiettivi, si verifica e si migliora la qualità del servizio, e la Carta diventa uno strumento per la partecipazione attiva, informata e consapevole dell’ente, del personale e delle famiglie.

Principi e fondamenti
Il micronido è un servizio socio-educativo d’interesse pubblico, che risponde alle esigenze delle famiglie concorrendo ad assicurare al bambino l’educazione, la formazione, l’integrità fisica e psichica e lo sviluppo corretto della socialità. Gli orientamenti educativi, nel rispetto del diritto primario dei genitori, vengono attuati con l’apporto di metodologie didattico-organizzative sempre aggiornate, che il personale educatore propone, promovendo in particolare la crescita armonica del bambino.


Il micronido offre opportunità di crescita attraverso esperienze di gioco e di scoperta, nelle quali si creino le condizioni affinché ogni individuo trovi lo spazio per attivare la sua voglia di fare, di scoprire, di entrare, se vuole, in relazione con gli altri. In queste esperienze l’educatore svolge un ruolo di osservazione, stimolo e mediazione.


Le famiglie trovano in questo servizio un sostegno nella cura e nell’accudimento dei propri figli e opportunità di partecipazione, di confronto e condivisione sul loro ruolo e sulla loro funzione educativa.


Il servizio per l’infanzia si ispira ai seguenti principi fondamentali:


Accoglienza
L’asilo nido si impegna a favorire l’accoglienza dei bambini e dei genitori. Attenzione privilegiata è dedicata al momento dell’inserimento e dell’integrazione dei bambini attraverso opportuni e adeguati atteggiamenti e azioni degli operatori del servizio. L’inserimento avrà durata diversa in base alle capacità soggettive dei piccoli ad adeguarsi al distacco della famiglia, perciò verrà deciso di volta in volta con i genitori la tempistica per questo delicato passo dei bambini.

Uguaglianza e diritto di accesso
Nessuna discriminazione nell’erogazione del servizio può essere compiuta per motivi riguardanti sesso, razza, religione, opinioni politiche, condizioni psicofisiche.


Imparzialità
L’Ente gestore s’impegna ad agire secondo criteri di obiettività ed equità nei confronti di tutti, garantendo il rispetto del bambino e delle sue esigenze affettive, fisiche e intellettuali.


Trasparenza
Il team degli educatori, al fine di favorire ogni forma di partecipazione, garantisce un’informazione completa e trasparente e la massima semplificazione delle procedure. Vengono resi noti tempi e criteri di gestione del servizio, rette mensili e tutte le indicazioni di carattere gestionale.


Continuità
È assicurato un servizio regolare e continuo, secondo calendario scolastico. L’asilo rimarrà aperto tutto l’anno salvo le date previste per le festività indicate nel calendario.


Efficienza ed efficacia
L’attività e l’organizzazione del servizio si uniformano a criteri di qualità, efficacia ed efficienza, intesa quest’ultima come capacità di adeguarsi ai diversi bisogni, alle aspettative e alle richieste dell’utenza.


Partecipazione
Il personale e i genitori sono protagonisti e responsabili dell’attuazione della Carta dei servizi, attraverso una gestione partecipata del nido, ciascuno nell’ambito delle proprie funzioni e competenze. I loro comportamenti devono favorire la più ampia realizzazione degli standard generali del servizio, impegnandosi in prima persona nell’individuazione di eventuali limiti del servizio e nella formulazione di proposte per la soluzione dei problemi contingenti. Il rapporto tra gli educatori e i genitori si realizza nelle riunioni periodiche con le famiglie dei bambini frequentanti.


Gestione e organizzazione

Il nido si presenta
Il micronido “Kirikù” si trova a S. Agostino di Albignasego in Vicolo Raffaello  Sanzio numero 2 (laterale di Via G. Galilei). Circondato da un giardino di 130 mq, l’edificio è appena stato ristrutturato e  arredato in ottemperanza alla L.R. 22/2002 ed ha una capacità ricettiva di circa  20 bambini dai 0 ai 36 mesi.


La qualità nel servizio di asilo nido

 
Calendario e orari Standard di qualità:

 
Tempi
Il micronido è aperto dal lunedì al venerdì dalle ore 7:30 alle ore 17.30; è possibile  concordare un prolungamento fino alle 18.30. Il sabato mattina il micronido  è aperto dalle 8:00 alle 13:00. L’ingresso e l’accoglienza si concludono entro le ore 9:30; l’uscita del pomeriggio avviene secondo la fascia d’orario concordata.Si richiede che siano rispettati gli orari per permettere lo svolgimento ottimale delle attività previste e per non causare disagio al servizio.

Calendario scolastico
A inizio anno verrà consegnato a tutte le famiglie il calendario scolastico riportante le date di chiusura e le festività. Le festività non comportano una riduzione sul costo della retta.

Compleanni
Il sabato e la domenica il micronido può essere sede di feste di compleanno per bambini fino ai 5 anni di età.Si organizzano feste a tema con possibilità di allestimenti sempre a tema e di gonfiabili in affitto, il tutto viene organizzato in collaborazione con una società che organizza eventi e con negozi specializzati in questa tipologia di feste con i quali abbiamo stipulato diverse convenzioni.

Personale educativo Standard di qualità:

  • Per i bambini con meno di 12 mesi il rapporto numerico educatore/bambino è di 1:6.
  • Per i bambini di età superiore ai 12 mesi il rapporto numerico educatore/bambino è di 1:8.
  • Il personale educatore è in possesso dei titoli di studio previsti dalla normativa in vigore al momento dell’assunzione.
  • Ogni anno il personale educatore cura la stesura di un progetto educativo
  • .Tutto il personale educatore partecipa annualmente a corsi specifici di aggiornamento, in sede o presso altri enti.

Strutture ed ambienti
L’arredamento è a misura di bambino e risponde ai criteri di funzionalità, praticità, igiene e sicurezza.

Sicurezza ed igiene Standard di qualità:


Presenza di paraspigoli e salvadita sulle porte.

  • Rispetto norme CE sugli impianti elettrici, rispetto norme antincendio, vie d’uscita alternative.
  • Recinzione del giardino
  • .Detersivi, medicinali e altre sostanze chimiche non accessibili ai bambini, schede tecniche per ogni tipo di detersivo usato.
  • Pulizia giornaliera di tutti gli ambienti del nido.
  • In alcuni spazi dei bambini, quali le stanze da pranzo ed i bagni, la pulizia viene effettuata almeno 2 volte al giorno.
  • I bambini sono protetti da assicurazione con la Fondiaria SAI s.p.a.

Direttive igienico sanitarie per i genitori
I genitori sono tenuti a togliersi le scarpe nella zona accoglienza e commiato e ad indossare i calzari che si trovano su una cesta di vimini in ingresso nel caso in cui vogliano entrare al micronido.
I genitori non possono entrare all’interno del micronido con le giacche che devono lasciare nella zona accoglienza-commiato. I genitori che si fermano all’interno dell’asilo per l’inserimento o per altre ragioni devono assolutamente lavarsi le mani prima di accedere alle zone destinate ai piccoli.


Spazi, arredi, materiali Standard di qualità:

  • Zona di riferimento per il gruppo dei lattanti (fino ai 12 mesi) e zona per i bambini grandi (dai 13 ai 36 mesi) con spazi diversificati: angolo del tappeto morbido con specchio, piscina di palline, spazio per i giochi di scoperta con tavolino e panchine, spazio per il gioco motorio.
  • Stanza ad uso esclusivo per pranzo e merende.
  • Bagno per i lattanti con fasciatolo e lavabo, bagno per i bambini grandi con water e lavandini su misura. Entrambi i locali igienici consentono all’operatore di eseguire le operazioni di cambio e pulizia del bambino e il contemporaneo controllo degli altri bambini attraverso un vetro di apertura sul muro che consente tranquillamente tale verifica.
  • Stanze appositamente adibite per il sonno (diversificate per lattanti e divezzi).
  • Giardino attrezzato con giochi per esterno, casette per gioco simbolico.
  • Personalizzazione degli armadietti, degli attaccapanni e degli spazi per gli oggetti personali identificati con il simbolo del bambino.
  • Gli arredi, negli spazi dedicati alle attività gestibili in maniera autonoma dai bambini, sono a loro misura.
  • Disponibilità di materiali per la manipolazione, la pittura, i travasi, il gioco d’imitazione, la lettura d’immagini e utilizzo di attrezzature per creare percorsi psicomotori.

Attività educative Standard di qualità:

  • è realizzata annualmente la programmazione degli interventi educativi e didattici nel rispetto delle diversità dei bambini.
  • Sono offerte attività di gioco spontaneo in spazi appositamente predisposti ed attrezzati, per il gioco simbolico (es. travestimenti, casetta, ecc.), dove l’educatrice ha un ruolo di osservatore e facilitatore.
  • Sono offerte attività guidate, in spazi appositamente predisposti ed attrezzati, per il gioco strutturato, (gioco di scoperta, simbolico, cognitivo, motorio, ecc.) dove l’educatrice esercita un ruolo propositivo e di regia.
  • Sono garantite offerte diversificate a seconda delle abilità raggiunte dal bambino.
  • Sono garantite attività di piccolo gruppo seguite dall’ “educatrice di riferimento”.
  • Il micronido dispone di materiali e giochi strutturati e non, pensati e scelti in relazione alle caratteristiche, alla qualità, alle dimensioni, alla forma, al colore, alla loro varietà.
  • Il micronido ospita una piccola biblioteca, per avviare i bambini al piacere della lettura e del contatto con il libro e per abituarli all’ascolto.

Modalità educative Standard di qualità:

  • L’osservazione è utilizzata per conoscere i bambini.
  • Viene adottato un atteggiamento accogliente e un tono di voce bassa.
  • Viene dato ascolto ai messaggi, verbali e non, dei bambini.
  • Uso di un linguaggio “adulto” che riconosce il bambino come persona competente.
  • Si rispetta l’autonomia di scelta nelle relazioni fra i bambini.
  • Sono utilizzati materiali interculturali.
  • Viene prestata attenzione agli eventi familiari del bambino, il giorno del compleanno del bambino si festeggia tutti insieme. I genitori potranno portare dolci, torte, biscotti confezionati o fatti in casa, ma senza creme o uova crude.

Documentazione Standard di qualità:

  • Alla fine del percorso educativo viene consegnata una cartella individuale con i lavori svolti dai bambini nel corso del periodo trascorso al nido, insieme a una raccolta di foto che verrà riassunta su un cd e che illustra i momenti salienti della vita del bambino al nido.
  • Sono realizzate foto individuali o di gruppo durante le attività che si svolgono nell’anno scolastico,previa autorizzazione dei genitori in ottemperanza alla lex sulla privacy.
  • è tenuto un archivio cartaceo fotografico della vita del micronido.

Accessibilità Standard di qualità:

  • Assenza di barriere architettoniche per gli spazi dedicati ai bambini e per quelli usati dagli adulti .
  • Possibilità per i bambini di muoversi autonomamente nei diversi ambienti interni ed esterni del nido.
  • Presenza di parcheggio di proprietà, come previsto dalla L.R.22/2202 adiacente la struttura.

 

Iscrizione

Possono essere iscritti tutti i bambini di età non superiore ai 36 mesi. L’iscrizione è possibile in qualsiasi periodo dell’anno, salvo disponibilità dei posti previsti dalla legge. Nel caso in cui si raggiunga il limite previsto per la nostra struttura, verranno attivate delle liste di attesa che seguiranno l’ordine di richiesta (ordine di arrivo) dei genitori. Le rette mensili sono calcolate in base al numero di ore che il bambino frequenta, il pagamento della retta dovrà essere effettuato entro e non oltre il 5° giorno del mese corrente.

Riduzioni

La retta per il secondo figlio iscritto al micronido sarà scontata del 20%.

Convenzioni
Tutti i dipendenti dell’Ipercity godono di uno sconto presso la nostra struttura pari al 20%. Tutti gli associati CRAL Azienda Ospedaliera Padova godono di uno sconto presso la nostra struttura pari al 10%.

La Giunta comunale, con delibera n. 432 del 26/08/2014, ha stabilito la cessazione del bonus famigliaa partire dall'1 settembre 2014.

Gli uffici del Settore Servizi Scolastici stanno contattando gli utenti che avevano usufruito del bonus nell'anno scolastico 2013/2014, per offrire un posto all'asilo nido Comunale.

Aggiungere convenzione con i dipendenti Unipd -5%.



Ritiri

L’eventuale ritiro del bambino deve essere comunicato con preavviso scritto di 15 gg. e la famiglia dovrà versare l’importo del mese corrente a titolo di rimborso forfettario delle spese fisse che la scuola deve sostenere e perché comunque il suo posto poteva essere assegnato ad altro bambino. Resta inteso che la stessa regola vale anche nel caso di sospensione di frequenza per le eventuali ferie di giugno.

Luglio e agosto

Nel mese di luglio e agosto presso il micronido Kirikù verrà svolto il servizio di centro estivo per i bambini i cui genitori ne faranno richiesta. Tenendo presente che la retta rimarrà invariata per i bambini già frequentanti e iscritti regolarmente al micronido nel corso dell’anno, sarà invece maggiorata per chi ne usufruisce solo per questi mesi estivi. Nel mese di agosto la struttura chiude 2 settimane in base alle richieste degli utenti.


I genitori impossibilitati a presentarsi al nido al momento dell’uscita devono provvedere alla compilazione di una delega riportante il nominativo della persona preposta unita ad una fotocopia del documento d’identità. Non si rilasciano i bambini a nessuno che non sia in possesso di tale delega e di documento d’identità.


Viene richiesta un’autorizzazione a fotografare i bambini all’interno della struttura. La Direzione s’impegna a vietarne l’uso per qualsiasi attività che non rientri nella scuola.


Salute
I genitori dei bambini frequentanti il micronido “Kirikù” sono tenuti a rispettare le direttive igienico sanitarie indicate nella carta dei servizi.

Disposizioni per la salvaguardia della salute dei bambini

In alcuni casi le educatrici hanno la facoltà di avvisare telefonicamente i genitori al fine di presentarsi per il ritiro del proprio bambino. In questi casi, per il bene del proprio bambino e di tutto il gruppo, il genitore ha l’obbligo di ritiro del proprio figlio.

Situazioni che richiedono l’allontanamento del bambino:

  • Il bambino manifesta malessere e non è in grado di partecipare adeguatamente alle attività
  • febbre (con temperatura esterna superiore a 37,5 °C)
  • tosse stizzosa
  • diarrea (due o più scariche con feci liquide nella stessa giornata)
  • vomito ripetuto
  • eruzione cutanee
  • congiuntivite (rientro almeno 2 giorni dopo l’inizio della cura)
  • stomatiti (placche e pustole in gola)
  • pediculosi (pidocchi)

In caso di vaccinazione e richiami, si richiede di non portare il bambino nel giorno stesso in cui vengono effettuati.


Farmaci
Non è ammessa la somministrazione di farmaci da parte delle educatrici, tranne nel caso di gravi patologie, previa prescrizione medica e richiesta dei genitori, che esonerano il personale da ogni e qualsiasi responsabilità. I genitori in specifici casi, possono essere ammessi nelle ore di scuola a somministrare ai propri figli i farmaci di cui necessitano.

 

Assenza per malattia

 
Le assenze per più di 5 giorni , compresi i festivi, vanno giustificate con certificato medico. Tale certificazione è obbligatoria, in quanto prescritta dalla legge (DPR 22/12/1967 n°1518 art. 42 co.5). Per la tutela della salute dei bambini i genitori dovranno comunicare tempestivamente alla Direzione ogni caso di malattia infettiva, in forma verbale o scritta.
Ogni caso di assenza anche di un solo giorno dovrà essere comunicata entro le ore 8,00 del mattino.Questo consentirà di programmare il numero dei pasti necessari e ridurre così gli sprechi.Le assenze non dovute a ragioni di malattia devono essere anticipatamente comunicate alle educatrici.

Alimentazione

  • Differenziata per età (per i lattanti le pappe vengono preparate in loco dalle educatrici e dal personale ausiliario).
  • per i divezzi ci si appoggia ad un servizio veicolato di mensa esterna
  • menu esposto periodicamente (estivo e invernale) all’interno dell’asilo e consegna copia ai genitori al momento dell’iscrizione.
  • Per effettuare cambi di menu è indispensabile la presenza di un certificato medico.In caso di allergie o intolleranze alimentari è necessario avvisare le educatrici al momento dell’iscrizione o nel momento in cui si manifestino allergie o intolleranze alimentari al fine di predisporre menù adeguati. Tali menù devono essere preventivamente inviati all’Ulss 16 di Padova previa approvazione, quindi i genitori devono, in tali casi presentare certificato medico adeguato.
  • Per quanto riguarda la ristorazione, la preparazione e somministrazione dei pasti vi è un Piano di Autocontrollo come previsto dal Decreto Legislativo 155/97.

Coordinate Pedagogiche

Alcuni riferimenti


I bambini devono poter indossare vestiti comodi per garantire loro la liberta di movimento e pratici al fine di favorire le educatrici al momento dei cambi e consentire ai bambini una progressiva autonomia (evitare cinture e bretelle e salopette) sono consigliate tutine da ginnastica.


Per ogni bambino si richiede:

  • 5 bavaglini con nome1 paio di calzini antiscivolo
  • 2 cambi completi (1 tuta 1 intimo)
  • 1 asciugamano1 lenzuolino con nome
  • 1 cuscino con federe (se usato)
  • 1 pacco di pannolini1 grembiulino con maniche lunghe
  • 1 ciuccio e 1 biberon (se usati)
  • 1 sacca portabiancheria con nome

Al termine di ogni settimana le educatrici provvederanno a restituire i cambi usati ed a richiedere il materiale eventualmente esaurito.

I rapporti con le famiglie
Per il benessere dei bambini è importante che ci siano occasioni di incontro e di scambio.


Noi ne abbiamo individuato alcuni:

  • colloqui individuali con le educatrici circa ogni 2 mesi o comunque ogni qualvolta venga ritenuto opportuno.
  • Riunioni generali circa ogni 2 mesi.
  • Nell’arco dell’anno verranno organizzati incontri formativi su specifiche tematiche infantili, gestiti da esperti esterni che saranno di sicuro ausilio alle famiglie, si auspica che i genitori frequentanti il Micronido vi prendano sempre parte.
  • Schede di valutazione. Sarà vagliato il grado di soddisfazione delle famiglie e verrà offerta la possibilità di formulare proposte.

Obiettivi specifici di apprendimento

 
Il servizio di micronido, rappresenta un momento formativo fondamentale e di esperienza decisiva per la crescita personale e sociale del bambino, grazie all’incontro con i coetanei, con gli adulti responsabili professionalmente e con i segni e i linguaggi delle culture. Giocare diventa un reale lavoro attraverso il quale, quotidianamente, i bambini sviluppano una serie di abilità.
Le attività proposte dal collegio delle educatrici hanno lo scopo di agevolare ciascun bambino nel processo di crescita e nel perseguimento di alcuni importanti obiettivi della prima infanzia. Dividiamo questi ultimi per aree in modo da rendere più chiaro e significativo il percorso pedagogico educativo che viene proposto in vista del loro perseguimento.


Le aree sono:

  • dell’autonomia e dell’identità dei bambini e delle bambine e la valorizzazione delle diversità individuali, di genere e culturali, assunte come valore;
  • della personalità del bambino e della bambina nelle sue componenti fisiche, affettive, emotive, cognitive, etiche e sociali;
  • della comunicazione fra bambini e bambine e tra bambini, bambine e adulti, allo scopo di consentire il confronto costruttivo delle idee e dei pensieri;
  • di un’educazione orientata al rispetto dei valori di libertà, uguaglianza, giustizia, tolleranza, solidarietà;
  • del rispetto delle diversità, nonché alla valorizzazione di una cultura di pace e di solidarietà fra i popoli contro ogni forma di intolleranza, discriminazione, totalitarismo;
  • di processi educativi tesi a sviluppare le potenzialità innate in ciascuna bambina e bambino rendendoli capaci di esprimerle e sostenendoli nella formazione della loro identità e delle loro conoscenze.

Divisione in sezione dei bambini

GRUPPO LATTANTI (GLI SCOIATTOLI) da 0 a 12 mesi

 
Con il gruppo dei lattanti le attività si focalizzano sul gioco di scoperta dell’ambiente e di conoscenza. Gli adulti vivranno insieme a loro quest’avventura. Con gli scoiattoli le attività saranno semplici attraverso il gioco della manipolazione e di una primaria psicomotricità. Il contatto fisico, gli sguardi, i sorrisi, l’incoraggiamento e una costante rassicurazione saranno gli elementi base in questo stadio delicato della crescita, affinchè si raggiunga un adattamento totale all’ambiente che li circonda.


GRUPPO SEMIDIVEZZI (GLI IPPOPOTAMI) da 13 a 20 mesi
Cercheremo in questa fase di età di sviluppare maggiormente ciò che per loro è primario ossia: i sensi ed in particolar modo il tatto, l’olfatto e il gusto. Attraverso la manipolazione scopriremo al tatto i diversi materiali, utilizzando ad esempio la pasta di varie forme e dimensioni ma anche oggetti appiccicosi che tanto piacciono ai bambini, attraverso l’olfatto scopriremo odori e profumi (profumo acre, profumo dolce) e in questo ci aiuteremo con la frutta mentre attraverso il gusto assaggeremo il dolce, il salato e l’amaro. L’obiettivo fondamentale è quello di assecondare la loro curiosità.


GRUPPO DIVEZZI (LE GIRAFFE) varia dai 17 ai 36 mesi

 
Essendo i bambini in questa fascia d’età in grado di ascoltare piccole storie, ma essendo anche capaci di anticipare gli adulti (spesso lasciandoci senza parole) riconoscendo inoltre personaggi e immedesimandosi in varie situazioni, lavoreremo molto sulla lettura di varie storie, ascolteremo molte canzoncine. Il tutto (storie, filastrocche e personaggi) verrà collocato in contesti diversi, trasformando l’ambiente circostante anche con l’ausilio di scenografie diverse.
Lavoreremo poi usando la pasta di sale, aromatizzandola con la frutta (ad esempio con le arance o i limoni) creando profumazioni diverse.

  • Doteremo ciascun bambino del proprio vaso di fiori con un seme e attraverso il posizionamento dello stesso nella terra faremo avere loro una cura quotidiana del proprio fiore.


Giornata educativa

  • 7.30 / 9.30 Accoglienza. Gioco libero in attesa dei compagni.
  • 9.30 / 10.00 Spuntino.
  • 10.00 / 11.00 Divisione nei gruppi sezione: attività ludico motorie e sensoriali, si alternano laboratori di lettura o psicomotori a giochi liberi nei vari spazi. I bambini verranno divisi in gruppi omogenei per ordine di età così suddivisi: lattanti, semidivezzi, divezzi.
  • 11.00 / 11.30 Cambio e pulizia personale. Uscita dei bambini a frequenza antimeridiana.
  • 11.30 / 12.30 Pranzo.
  • 12.30 / 13.30 Pulizia personale in preparazione al riposo pomeridiano, i bambini che rimangono salutano quelli a tempo corto che tornano a casa attendendo l’entrata di quelli a frequenza po meridiana.
  • 13.30 / 15.30 Riposo pomeridiano.
  • 15.30 / 16.30 Risveglio, cambio e merenda.
  • 16.30 / 17.30 Laboratori pomeridiani, gioco libero e uscita.
  • 17.30 / 18.30 Attività strutturata per i bambini del prolungamento. Cambio e pulizia personale. Gioco libero in attesa dell’uscita.

Obiettivi primari del nido sono:

  • Offrire ai bambini un luogo di formazione, cura e socializzazione, nella prospettiva del loro benessere psicofisico e dello sviluppo delle loro potenzialità cognitive, affettive e sociali.
  • Rispondere ai reali bisogni dei bambini: bisogno di conoscere, di instaurare relazioni affettive significative, di crescere verso l’autonomia, di acquisire e affinare gli strumenti per comunicare, di sviluppare le capacità percettive e motorie.
  • Accogliere le caratteristiche di ciascun bambino come ricchezza.
  • Rispettare i ritmi individuali, motori, cognitivi e fisiologici di ogni bambino.
  • Creare un rapporto di collaborazione e di crescita tra famiglie, educatori e comunità.

Sarà nostro dovere che i bambini ricevano adeguate cure nel rispetto della loro persona, possano vivere attività ludiche, educative e formative, e siano stimolati in modo personale per uno sviluppo ottimale della loro identità.


I bambini hanno diritto di esprimersi spontaneamente e di sviluppare e acquisire considerazione come individui. La possibilità di un percorso verso l’autonomia proposta dal nido aiuta a costruire la fiducia in se stessi e a sviluppare il piacere di imparare.